10 Writing Prompts

Quante volte vi siete trovati di fronte alla pagina bianca senza sapere da dove partire?

Ecco, io moltissime volte. Per questo, di seguito potete trovare dieci spunti letterari per iniziare un racconto. Possono diventare suggerimenti validi anche per semplici esercizi di scrittura.

IMPORTANTE! Chi vuole può inviarmi i suoi racconti (uno o più di uno) all’indirizzo email biancaritacataldi@yahoo.it. Saranno editati gratuitamente da me e pubblicati sul sito 🙂

E ora, andiamo…

  1. DESCRIVI UN FUNERALE DAL PUNTO DI VISTA DEL MORTO
  2. RACCONTA UN’USCITA DI GRUPPO USANDO IL PUNTO DI VISTA DI TUTTI I PERSONAGGI IN MODO CORALE
  3. DESCRIVI UN LUOGO SENZA INSERIRE ALCUN PERSONAGGIO
  4. RACCONTA DI UNA RIMPATRIATA TRA EX COMPAGNI DI CLASSE (MA CI SCAPPA IL MORTO)
  5. IMMAGINA DI BERE UN CAFFÈ IN UN BAR COL TUO SCRITTORE PREFERITO
  6. SEI UN ANIMALE E DEVI LOTTARE PER LA TUA SOPRAVVIVENZA
  7. SEI UNA CAFFETTIERA MA TI RIFIUTI DI FUNZIONARE PER UNA PADRONA CHE ODI
  8. SEI UN/UNA ADOLESCENTE CHE SI È APPENA TRASFERITA IN UNA NUOVA CITTÀ
  9. SEI UN PESCIOLINO NELLA BOCCIA E OSSERVI TUTTO CIÒ CHE ACCADE NELLA STANZA
  10. TI SEI APPENA SVEGLIATO IN UNA VITA CHE NON È LA TUA

Summer vibes


  • Scatti e ricordi di un inizio d'estate

Come iniziare a leggere in lingua originale

Negli anni mi sono resa conto di quanto sia importante, per un lettore, leggere un libro direttamente in lingua originale. Di sicuro non potremo farlo con tutte le lingue, ma senz’altro possiamo esercitarci almeno con l’inglese o con qualunque sia la lingua straniera che abbiamo studiato a scuola.

In questo video ho raccolto qualche suggerimento per migliorare il proprio approccio al libro in lingua originale. Voi che ne dite? Ci avete già provato?

A luce distante

Aveva passato la giornata a mettere in ordine la casa, eppure ogni cosa continuava a essere fuori posto.

Aveva riordinato gli appunti, risistemato i libri sugli scaffali e anche quelli che giacevano sul pavimento, nell’unico posto ancora rimasto libero per loro. Aveva lavato gli specchi, spolverato i ripiani dei mobili, gettato nella spazzatura i rossetti ormai vecchi che emanavano un odore chimico. Il giradischi in funzione per tutto il giorno, gracchiante.
Aveva sudato in tutto quello strofinare, pulire, spostare oggetti. I capelli le si erano incollati alla fronte disegnandole arabeschi strani come in un tatuaggio rituale all’henné. Eppure eccolo lì, il disordine: non si era spostato di una virgola.

Leggi tutto “A luce distante”

Da piccola odiavo le domeniche

Da piccola odiavo le domeniche. Sì, è vero, non si andava a scuola, ma la gioia della domenica finiva tutta lì, in quel risveglio spontaneo senza sveglia, e poi subito calava la depressione più cronica.

Non solo: la domenica non si poteva uscire. Ancora non avevo la patente, e dipendevo completamente dai mezzi pubblici che però, di domenica, non circolavano. E allora nulla, vagavo per casa nel mio paesino in provincia di Bari, lontana dal mondo quasi fossi l’unica abitante di un’isola deserta. Robinson Crusoe prima dell’arrivo di Venerdì.

Leggi tutto “Da piccola odiavo le domeniche”

#bookreview: Sunset in old Savannah by Mary Ellis

After having left the Natchez Police Department, Beth has started working in pairs with her colleague Michael Preston as a private investigator. One day, their agency informs them that they have to take care of a new case in Savannah, a characteristic little town in Georgia. When they go there, Beth and Michael meet Mrs Doyle, an old lady who, after a 40-years-long marriage, suspects that her husband has an affair with another woman. For the sake of privacy, she’s hired Beth and Michael from abroad. Almost as soon as the job starts, they find out that nothing is what it seems to be. Mrs Doyle’s husband really has a relationship with another woman, but Mrs Doyle doesn’t seem to care. Why? The situation becomes less and less clear when Mrs Doyle calls them in the middle of the night to denounce an attempt to kill her on the shore. The couple of private investigators seems to have a lot to find out during their forced vacancy in old Savannah…

 

I really appreciated this book which is the fourth title of “The secret of the South Mysteries” series. The characters are perfectly analysed and they’re really enjoyable, especially through their interactions.  Indeed, I think that the real value of this book has to be found in dialogues. As I writer, I can testify that dialogues are the most difficult part to write, but Mary Ellis is perfectly capable of sorting them out.

The setting is always well depicted and it makes you think you just want to be there, in old Savannah, walking  and watching everything around you. I’m sure I’ll read the other books of this series because Mary Ellis is an author who is worth following.