Il mantello dell’invisibilità

L’invisibilità: un dono o una maledizione? Ultimamente ci penso spesso, in particolare da quando vivo in Irlanda. Il punto è che, quando ricominci del tutto in un Paese straniero, hai a che fare con persone che non hanno idea di chi tu sia. È gente che non ti ha vista crescere, che non sa qual è il tuo colore preferito, che non ti ha vista mettere a tacere il bullo della scuola. E allora ti tocca dimostrare tutto di nuovo, mettere in luce ciò che sei, mostrare il tuo valore. Ma conviene davvero? Perché certe volte restare nell’ombra può avere degli insospettabili vantaggi.

I pregi dell’invisibilità

invisibilità

Ve lo ricordate il mantello dell’invisibilità di Harry Potter, sì? Ecco, così. Quando sei invisibile, puoi fare tutto. Nessuno ti vede, nessuno ha paura di te e tu sei libero di muoverti indisturbato. Sia chiaro: non vi sto incoraggiando a svaligiare un appartamento o a tirare sgambetti al primo malcapitato. È vero, però, che essere sottovalutati dagli altri ci permette di rilassarci. Fa rabbia, all’inizio, ma poi ci rendiamo conto che è meglio così. Ci libera senz’altro dall’ansia da prestazione, dall’urgenza di confermare la buona opinione che hanno gli altri, a tutti i costi. E invece poi arriva chi di te non sa nulla, chi vede che sei buono ed educato e pensa di poterti fregare. Ed è qui che il mantello dell’invisibilità viene in aiuto: se pensano che tu sia stupido, non si renderanno conto del momento in cui strapperai loro la maschera.



I sassi nelle scarpe

L’Irlanda, dicevo. Qui mi capita spesso di essere completamente fraintesa. Non mi conoscono e tutto ciò che vedono è la me venticinquenne, ancora in evoluzione ma pur sempre adulta fatta e finita. Non mi hanno vista crescere, maturare, lottare, innamorarmi, scappare, tornare, costruire. Qui mi hanno vista solo arrivare, svuotare la valigia, prendere possesso di una camera che fra un mese perderò per una molto più piccola. Di me pensano che sia una bacchettona perché mi ricordo di indossare la gonna quando esco e non mi ritiro ubriaca. Pensano che abbia la puzza sotto il naso perché non porto in casa un fidanzato a settimana. Credono che non abbia amici perché i miei amici li vedo durante il pomeriggio e non faccio tardi perché non posso permettermi i soldi del taxi, dopo la mezzanotte. Queste cose, loro, non le sanno. Di me pensano che della vita non capisco niente. Che possono chiedermi un fitto esorbitante per un sottoscala. E che possono prendermi in giro quanto vogliono perché io non me la prendo. Ma non è vero. È solo che ho indossato il mantello.



Vai bene come sei

invisibilità

Il mantello serve per fregartene. Continua a sorridere. Anche e soprattutto quando reagisci. Perché devi reagire, mica sei stupido sul serio. All’offesa veicolata con lo scherzo, reagisci con uno scherzo anche tu, ma rispondi. E a loro verrà il dubbio: ma sei lo scemo che pensano tu sia o li stai fregando col sorriso? La verità è che vivi la tua vita e che di loro non t’importa. Che sì, adesso ti brucia, ma il tempo di una sigaretta e ti sarà passata. Tu pensa a te. Accendi il bollitore,  metti in infusione la tua bustina di tè migliore, siediti sul letto e respira. Vai bene come sei. Soprattutto quando di te vedono solo un briciolo di quello che sei. Perché splenderai ancora di più quando finalmente ti vedranno in luce piena. E succederà, ché di certo non sei nato per rimanere nascosto per sempre.

18 risposte a “Il mantello dell’invisibilità”

  1. Ghandi… sì, mi viene in mente Ghandi… se si fosse posto il problema di essere invisibile o meno agli occhi altrui, se si fosse posto interrogativi sulla sua accettazione da parte degli altri, avrebbe certamente sprecato del tempo prezioso per continuare a pensare in modo ecumenico. La sua luce brilla e brillerà ancora. Una stella non chiede di essere o non essere vista, solo che a volte la sua luce è così forte che è impossibile non notarla. Chi sei non serve agli altri, serve solo a te.

  2. Precisamente. Si brilla prima di tutto per se stessi, e il resto verrà da sé (e se non viene, non moriremo per questo)

  3. Impact Drug And Alcohol Treatment Center http://aaa-rehab.com Drug Rehab Near Me http://aaa-rehab.com Christian Alcohol Rehab
    http://aaa-rehab.com

  4. My brother suggested I might like this blog. He was totally right. This post truly made my day. You cann’t imagine simply how much time I had spent for this information! Thanks!|

  5. hello there and thank you for your info – I’ve definitely picked up anything new
    from right here. I did however expertise several technical issues using this site, since I
    experienced to reload the web site many times previous to I could get it to load properly.
    I had been wondering if your web hosting is OK? Not that I’m complaining, but
    sluggish loading instances times will very frequently affect your placement in google and can damage your high
    quality score if ads and marketing with Adwords. Anyway I am adding this RSS to my
    email and could look out for a lot more of your respective interesting content.
    Ensure that you update this again soon.

  6. Cbd oil that works 2020
    Its such as you learn my mind! You appear to grasp so much about this, like you wrote the guide in it or something.
    I think that you simply could do with some p.c.

    to pressure the message house a little bit,
    but other than that, this is great blog.
    A fantastic read. I will definitely be back. best cbd oil for
    pain http://tinyurl.com/cbd-oil-that-works-2020 cbd oil that works 2020 http://tinyurl.com/cbd-oil-that-works-2020

  7. What i don’t understood is in fact how you’re not actually a lot more smartly-favored than you may be right now. You are so intelligent. You already know therefore considerably with regards to this matter, made me in my opinion imagine it from so many numerous angles. Its like men and women aren’t involved unless it’s something to accomplish with Girl gaga! Your personal stuffs excellent. Always deal with it up!

  8. Thank you for any other excellent article. The place else
    may just anybody get that kind of information in such a perfect way of writing?
    I’ve a presentation subsequent week, and I’m at the search for such info.

  9. What’s Going down i’m new to this, I stumbled upon this I’ve
    discovered It absolutely helpful and it has helped me out loads.

    I’m hoping to give a contribution & aid different users like its helped me.
    Great job.

I commenti sono chiusi.